lunedì 11 febbraio 2008

Il controriformismo etico sembra dietro l'angolo

Il controriformismo etico sembra dietro l'angolo

Il Riformista del 11 febbraio 2008, pag. 2

di Marco Cappato

Il successo del partito "alle urne su­bito", tra le tante iniziative legislative e progetti di governo stroncati, ha ferma­to anche l'unica speranza di riforma che non era stata - dopo pacs, dico, fecondazione, depenalizzazione delle droghe - definitivamente impallinata dai veti clericali: quella di consentire ai cittadini italiani di veder riconosciute le proprie volontà di cura attraverso un testamento biologico. Gli unici avanza­menti concreti sul piano dell'autodeterminazione del paziente e della libertà, tanto delle scelte di fine vita quanto di quelle di procreazione, sono arrivate in questi mesi dai pronunciamenti - o mancati interventi - della magistratura su casi individuali come quelli di Welby, Nuvoli, Englaro, oppure sui ricorsi di pazienti affetti da malattie genetiche che volevano accedere alla fecondazio­ne assistita. I giuristi che hanno seguito direttamente quelle vicende ne discute­ranno in occasione del sesto congresso dell'associazione Coscioni che si terrà a Salerno dal 15 al 17 febbraio, insieme a personalità politiche e parlamentari di entrambi gli schieramenti.



Il Congresso capita a meno di due mesi da elezioni che sembrano desti­nate a regalarci un Parlamento ancora più ostile dell'attuale all'apertura di nuovi spazi di libertà e responsabilità individuali nel campo della scienza, delle cure e dei diritti civili. Il rischio è quello di passare dalla fase di paralisi a una di vero e proprio controriformi­smo etico, già scatenatosi con la cosid­detta "moratoria" sull'aborto e le pro­babili liste di Giuliano Ferrara, che avrebbero come riferimento programmatico quello della tutela della vita "dal concepimento fino alla morte naturale" - dove per "naturale" si intende probabilmente quella morte in mezzo ad atroci sofferenze che si voleva im­porre a Welby - e come riferimento po­litico-istituzionale non solo l'Italia, ma l'Europa e le Nazioni Unite.



Che il terreno di scontro non fosse limitato al perimetro angusto della politica italiana, lo aveva capito anni fa proprio Luca Coscioni che nel 2001 ottenne come candidato radicale il so­stegno di decine di premi Nobel di ogni continente. I premi Nobel attor­no a Luca divennero un centinaio con la campagna, lanciata in occasione del "Congresso mondiale per la libertà di ricerca" del 2002, contro il proibizionismo mondiale sulle staminali embrionali voluto dal Vaticano in sede Onu. Oggi, la preparazione di un nuovo appuntamento transnazionale per attrezzarsi contro i "fondamentalisti di tutto il mondo uniti" è la priorità ob­bligata dell'associazione, che deve rin­novare il lavoro comune con scienzia­ti e politici di altri Paesi.



L'associazione Coscioni alla quale sono iscritti anche parlamentari di ogni colore, è anche uno dei soggetti fonda­tori della Rosa nel Pugno, e il congres­so cade in giorni decisivi per le alleanze elettorali del soggetto radicale. Si po­trebbe perfino considerare un appunta­mento scomodo, per chi ritenesse le battaglie radicali per i diritti civili come un ostacolo a un accordo con il Partito democratico. Ma un ostacolo per chi? Certo non per l'elettorato, e forse nem­meno per buona parte del gruppo diri­gente, rispetto al quale le vere resisten­ze a un'alleanza riguardano, più che i contenuti "laici", i connotati di fondo della storia radicale.



Anche per chi sta nel Partito demo­cratico con posizioni, su questi temi, molto lontane dalle nostre, il motto dell'associazione - "dal corpo dei malati al cuore della politica" - dovrebbe rappresentare la garanzia di un approccio non ideologico per cercare risposte a domande che molto concretamente si impongono nella vita di cia­scuno. Senza dubbio non ri­nunciamo a partire da un punto fermo: la legge non è strumento per affermare un'etica di Stato, ma per re­golare i rapporti tra le perso­ne impedendo abusi e vio­lenze. Prima ancora di impe­gnarci per riformare le leggi, ci battiamo perché siano davvero ri­spettate. Anche con questo spirito, abbiamo ieri ripreso con Mina Welby, Rita Bernardini e altri compagni il digiu­no di dialogo con il ministro della Salu­te Livia Turco, per chiedere che final­mente si interrompano i sei mesi di illegalità sul mancato rinnovo delle linee guida della legge sulla fecondazione as­sistita. Se è vero che in questa legislatu­ra non abbiamo ottenute le riforme sperate, siamo però ancora in tempo al­meno per gli atti dovuti.

NOTE

segretario dell'associazione Luca Coscioni

Nessun commento: