domenica 30 gennaio 2011

La pace che riconduce l'Abbondanza

                                                            La pace che riconduce l'Abbondanza

domenica 23 gennaio 2011

Il Big Bang non c'è mai stato

Eric J. Lerner
Il Big Bang non c'è mai stato
Edizioni Dedalo

Provocatorio e di ampio respiro questo libro è più di una critica di una delle fondamentali teorie dell'astronomia: quella che sostiene che l'universo abbia avuto origine dal nulla a seguito di una singola esplosione avvenuta da dieci a venti miliardi di anni fa. Concentrandosi sulle nuove scoperte nella fisica delle particelle e nella termodinamica, ma anche su studi storici e filosofici, Lerner esamina e mette in discussione i principi che sono alla base della teoria del big bang: la convinzione che le formule matematiche sono più affidabili dell'osservazione empirica; che l'universo è finito e in espansione; e che esso poteva avere origine solo da una forza esterna. Con chiarezza e rigore scientifico, l'autore presenta una argomentazione vivacemente orchestrata che genera un esplosivo dibattito intellettuale.

Il Big bang: andrebbe considerato come la versione scientifica della storia biblica della creazione? Esistono prove che confermio questa teoria? In questa ipotesi l’universo si sta espandendo, in accordo con le teorie di Einstein.
Secondo l’autore le nuove scoperte sarebbero in contrasto con essa, ma i suoi sostenitori escogiterebbero complicate spiegazioni per avvallarla.

giovedì 6 gennaio 2011

mercoledì 5 gennaio 2011

Fontana, le Madonne e la leggenda Italjet. Itinerari d´arte

Fontana, le Madonne e la leggenda Italjet. Itinerari d´arte
DOMENICA, 02 GENNAIO 2011 la Repubblica - Bologna

E´ stato campione delle gare italiane di Gran Fondo, tra il ´52 e il ´54, del MotoGiro nel 1954, e per primo nel 1957, insieme a Giorgio Monetti, a compiere il giro del mondo in moto. Il bolognese Leopoldo Tartarini è una leggenda nel campo delle due ruote, prima come pilota poi come guida di una azienda storica come Italjet. Una storia che viene raccontata nella mostra «Moto bolognesi. L´Italjet di Leopoldo Tartarini. 1960- 1988» allestita al Museo del Patrimonio Industriale. Nel percorso espositivo 22 modelli di moto e scooter che hanno dato lustro alla fabbrica, nata in uno scantinato di via del Piombo e poi trasferita a San Lazzaro: si parte dal Mustang Veloce per arrivare al Vampire e all´ultimo Amarcord (via della Beverara, 123, da martedì a sabato 9-13, sabato e domenica 15-18).
La leggenda di Tartarini è un pezzo delle storie che si possono trovare in questi giorni di festività natalizie nei musei cittadini. E per scoprire le altre esposizioni ecco una piccola guida con visite guidate oggi. Al museo Medievale si possono ammirare fino al 20 febbraio, "Le Madonne di Vitale", un excursus nella pittura devozionale bolognese del Trecento e, fino al 9 gennaio, "Tesori tra le pagine" con i libri miniati della collezione del Museo (via Manzoni 4, martedì-venerdì 9-15, sabato e festivi 10- 18.30). Fino al 6 gennaio all´Archeologico c´è "...fra le trincee di ben diretti scavi archeologici: Bologna nella prima età del ferro tra vecchie e nuove scoperte", e "Lucio Fontana. Spazio e luce oltre il taglio" (fino al 9 gennaio) che accompagna il visitatore a sperimentare emozioni e sensazioni di spazio e luce in un tempo immaginato, oltre lo spazio dell´opera dell´artista (via dell´Archiginnasio 2, da martedì a venerdì 9-15, sabato, domenica e festivi 10-18,30; oggi alle 11 visita guidata gratuita alle collezioni; alle 16 "Magia bianca e magia nera nell´Antico Egitto", a cura di Barbara Faenza, 4 euro).
Al museo Davia Bargellini, fino al 30 gennaio, è ancora allestita la mostra "Antichi Presepi. Il teatro natalizio bolognese" (strada Maggiore 44, martedì-sabato 9-14, domenica e festivi 9-13; oggi alle 10,30 visita guidata). Sempre oggi visita guidata (8 euro) con le guide Didasco anche alle Civiche Collezioni Comunali d´Arte Antica al Palazzo Comunale che raccoglie opere acquisite dal Comune in epoca post-unitaria e nei primi decenni del Novecento, oltre a opere del ‘700 originariamente conservate nel Palazzo Comunale e dipinti medievali. Ritrovo alle ore 15,30 davanti alla Fontana del Nettuno (prenot. obblig. 348-1431230).
Da segnalare ancora alla Galleria d´Arte Moderna Raccolta Lercaro (Riva Reno 57) la mostra "I quattro fondatori. Omaggio della Raccolta Lercaro ad artisti bolognesi", mar-dom 11-18,30. Opere di Ilario Rossi, Enzo Pasqualini, Aldo Borgonzoni e Pompilio Mandelli. Gratuito.