mercoledì 18 marzo 2009

Luxor Trovata una camera funeraria decorata di 3.500 anni fa

Corriere della Sera 18.3.09
Luxor Trovata una camera funeraria decorata di 3.500 anni fa
La «Cappella Sistina» dell'Antico Egitto

MADRID — È la Cappella Sistina dell'antico Egitto. Così la stampa spagnola ha definito la nuova scoperta effettuata a Luxor (un tempo Tebe) dall'archeologo iberico Josè Manuel Galan. Il team di ricercatori ha messo in luce una camera funeraria con scritture geroglifiche risalenti a circa 3.500 fa anni e costruita in memoria di Djehuty, un nobile egiziano alto dignitario della regina Hatshepsut.
I lavori di scavo sono durati otto anni nella località di Dra Abu el-Naga. Galan ha scoperto vari reperti di grande valore, ma la vera sorpresa è arrivata quest'anno, quando l'équipe ha individuato un pozzo che conduceva a una sala mortuaria affrescata con geroglifici scritti in corsivo.
«Al di là dell'indubbio valore estetico, il fatto ancora più importante è che in quell'epoca, all'inizio del XVIII secolo avanti Cristo, non si decoravano le camere funerarie. Si conoscono solo altri quattro esempi di camere decorate» ha detto Galan a El Mundo.
«Il fatto che Djehuty abbia fatto decorare il proprio sepolcro lo colloca fra i personaggi più importanti e influenti del momento».
La camera mortuaria di Djehuty ha le pareti e il tetto decorati con disegni e geroglifici che riproducono diversi passaggi del Libro dei Morti. Sul soffitto la dea dei cieli Nut, accanto a una rondine o al dio del sole, Ra, che accompagna i morti nell'aldilà. È una vera «Cappella Sistina del 1500 avanti Cristo» ha spiegato Galan ad Abc.
Resta però un mistero. Gli archeologi hanno rinvenuto anche vari oggetti d'oro, ma non il sarcofago e neppure la mummia del defunto. Si escludono furti. Almeno non nel periodo in cui si sono svolti gli scavi.

Nessun commento: