giovedì 3 luglio 2008

L’assessore regionale vuole privatizzare la Valle dei Templi

AGRIGENTO - L’assessore regionale vuole privatizzare la Valle dei Templi
Maristella Iervasi
l'Unità 03/07/2008

LA POLEMICA Accogliere una suggestione come questa significa giocare con l’istruzione. In nome dell’egualitarismo, come quello tra pubblica e privata Scuola, la Gelmini vuole mettere il «grembiulino» alle nefandezze della destra Sempre sui falsi
problemi. Quando l’istruzione ne ha e di irrisolti da tempo
 L’assessore ai beni culturali della Sicilia Antonello Antinoro
vuole affidare l’arte pubblica a privatiper costruire strade, alberghi, perfino un eliporto nella già fin troppo soffocata Valle dei Templi presso Agrigento. Una proposta che fa «inorridire» il Pd siciliano. «Per rendere il più possibile redditizia la gestione dei beni culturali in Sicilia dobbiamo affidare a un privato di qualità il pacchetto completo di un sito turistico per trent'anni. Penso alla Valle dei Templi o al teatro greco di Siracusa». Ancora: «In cambio i privati dovranno garantirci un canone fisso e alcune operedarealizzare. Penso a strade o ad alberghi.
Nella Valle dei Templi potremmo chiedere ai privati di migliorare
la Palermo-Agrigento e un eliporto». Ad annunciare tutto ciò è, attraverso un’intervista al sito www.ilovesicilia.info, l'assessore Antinoro. Lo proporrà alla giunta siciliana. Dunque l’assessore vuole costruire altro nella Valle dei Templi, già devastata da troppe infrastrutture, da costruzioni, case (mai sentito parlare di dimore abusive addossate alla zona archeologica?), strade... «Quest'idea di far cassa in tutti i
modi, di trasformare in business anche la nostra stessa memoria
mi fa semplicemente inorridire », commenta Mario Bonomo,
deputato regionale siracusano del Pd. «È un paradosso che nella
regione con il più altro numero di dipendenti si pensi di affidare
i beni pubblici a soggetti privati - aggiunge Filippo Panarello sempre del Pd- Farebbe bene a spiegare come viene utilizzato il personale attualmente in carico alla regione.

Nessun commento: