mercoledì 14 maggio 2008

Le carte segrete di Lawrence

La Repubblica 18.8.07
Le carte segrete di Lawrence
Centinaia di inediti dell’autore di "L’amante di Lady Chatterley"

I documenti conservati dalla famiglia sono ora consultabili all´Università di Nottingham
Compaiono note su fatti del tempo come il grande sciopero dei minatori del '26
Nei quaderni c'è un testo che poi diventerà un capitolo del romanzo "Figli e amanti"
I "Clarke Papers", lettere, cartoline, appunti sono stati raccolti dalla sorella minore, Ada

LONDRA. Il lato nascosto di D. H. Lawrence, quello del fratello affezionato, dello zio che non dimentica mai di mandare una cartolina al nipote di 8 anni. Da qualche giorno sono consultabili all´università di Nottingham centinaia di scritti inediti dell´autore di L´amante di Lady Chatterley. Sono lettere, cartoline, quaderni di appunti e dipinti, che la famiglia aveva finora conservato. "The Clarke Papers", questo il nome con cui la collezione verrà catalogata, sono stati raccolti da Ada, la sorella minore di Lawrence, la Lettice delle lettere, una figura centrale nella vita dello scrittore. Gli inediti arricchiscono la collezione già fondamentale dell´università di Nottingham, dove Lawrence studiò, e dove ora si sta tenendo una mostra su lui e le donne, nella quale è stato possibile inserire alcuni pezzi dei «Clarke Papers».
I documenti hanno un valore inestimabile sia dal punto di vista delle ricerche, sia come oggetti da collezionismo. La famiglia di Lawrence li aveva già affidati all´Università di Nottingham perché li conservasse in modo appropriato. Ora le trattative affinché le carte fossero messe a disposizione degli studiosi sono giunte a conclusione. Fino a oggi la famiglia ha preferito non rendere pubblici i documenti anche perché in essi compaiono riferimenti espliciti a persone ancora in vita e perché, spiega Sean Matthews, direttore del centro di ricerca su Lawrence all´università, «si tratta di scritti talvolta commoventi, che mostrano il lato più intimo di un personaggio pubblico. Mostrano, di fatto, l´uomo di famiglia, che i suoi cari ricordano ancora con affetto e nostalgia».
Tra i "Clarke Papers" ci sono prime versioni di poesie e annotazioni sul lavoro di revisione, racconti brevi scritti da un giovanissimo Lawrence e tante lettere e cartoline. Nelle lettere alla sorella Ada si trovano l´uno vicino all´altro i resoconti delle difficoltà economiche, le frasi da «lessico famigliare» e commenti su eventi di cronaca, come ad esempio il grande sciopero dei minatori britannici del 1926. Lo scrittore fornisce notizie continue sul proprio lavoro, sui progressi fatti sia dal punto di vista letterario che editoriale, annotazioni che potranno offrire elementi fondamentali per comprendere la difficile carriera letteraria di Lawrence. Solo ben oltre la sua morte nel 1930, infatti, fu riconosciuto il valore internazionale di questo autore. I critici del suo tempo gli rimproverarono di non aver innovato come James Joyce e di aver descritto donne che non avevano il carattere rivoluzionario di quelle di Virginia Wolf.
Lawrence, che ha cantato un inno alla sensualità con L´amante di Lady Chatterley e ha lasciato straordinari resoconti dei suoi viaggi in tutto il mondo, autore prolifico di saggi, poesie, teatro, fu una figura scomoda, bollato subito dopo la morte come «fascista e sessista». Ci sono, tra i «Clarke Papers» anche lettere che membri della famiglia si scambiarono dopo la morte dello scrittore e che Ada inviò ad amiche, testi che indicano le disposizioni testamentarie di Lawrence, l´angoscia che lo colse negli ultimi periodi di vita in sanatorio (da cui andò via per morire «da uomo libero» il giorno prima del decesso), e tutta l´amarezza per le incomprensioni sulla sua opera.
Nelle cartoline che scrisse al figlio di Ada, Jack, si rivela il senso profondo della famiglia che accompagnò sempre le peregrinazioni di Lawrence. «Le cartoline sono deliziose», spiega Dorothy Johnston, direttrice dell´archivio dell´Università, «danno nuove chiavi di interpretazione dei rapporti fra lo scrittore e i parenti più stretti. Lawrence non ebbe figli, ma scrisse di bambini con grande trasporto. Quanto rivelano le cartoline del suo rapporto intimo con il nipote di 8 anni è molto interessante».
Densi di suggestioni e di spunti per la ricerca sono i due quaderni. Lawrence cominciò a prendere appunti quando era uno studente a Nottingham, dal 1906 al 1908, a 21 anni, e su uno dei due libriccini scrisse fino al 1911. Essi contengono poesie, bozze di racconti, annotazioni per soggetti, tra i quali un testo che diverrà poi il decimo capitolo del romanzo Figli e amanti. Gli appunti sono pieni di correzioni febbrili, di versioni emendate o ampliate di uno stesso testo, una testimonianza straordinaria del labor limae che caratterizza l´attività dello scrittore per tutta la sua vita: basta pensare che de L´amante di Lady Chatterley esistono tre versioni successive e che anche nel periodo in cui la tubercolosi minava le sue forze, Lawrence non smise mai di rivedere e aggiustare.
«I «Clarke Papers» sono l´ultimo grande corpus letterario che contiene sia materiale biografico che significativi testi originali di Lawrence», conclude Dorothy Johnston. Di sicuro la possibilità di consultare i «Clarke Papers» terrà impegnati gli studiosi per parecchi anni e c´è da attendersi un fiorire di nuove pubblicazioni su Lawrence, vista la diffusa presenza di elementi autobiografici in tutta la sua opera.

Nessun commento: