domenica 6 aprile 2008

Elettrodotto, prosegue la protesta - I tralicci deturpano il paesaggio

LUCCA - Elettrodotto, prosegue la protesta - I tralicci deturpano il paesaggio
06 aprile 2008 - Il Tirreno - Lucca

Manifestazione dei comitati al Foro Boario «Va interrato anche il tratto di S. Alessio»

Con cartelli e slogan presidiano la zona senza causare problemi Pronto un ricorso al Prefetto dopo quello già presentato al Tar

LUCCA. Continua la protesta contro l’elettrodotto. I comitati cittadini ieri mattina hanno organizzato una manifestazione al Foro Boario per sensibilizzare gli abitanti e l’amministrazione sulla costruzione dell’elettrodotto da parte della Terna che finora non sembra cambiare rispetto al progetto originale. Una quarantina di persone si sono incontrate, muniti di cartelli, e recitando slogan contro l’elettrodotto hanno presidiato la zona interloquendo con gli operatori della stampa e delle televisioni, ma anche con i passanti e gli automobilisti dell’area. Il tutto sotto lo sguardo dai carabinieri di Borgo Giannotti.
A giudizio dei manifestanti è ingiusto che l’elettrodotto venga interrato in tutti i tratti ad eccezione di quello di Sant’Alessio per vincoli paesaggistici.
Non si oppongono quindi alla costruzione della linea, ma chiedono l’interramento anche per la loro zona.
«Ormai è da agosto che protestiamo - dice il portavoce Angelo Lorenzetti - e siamo pronti ad andare avanti. Abbiamo fatto di tutto: contattato i comuni, la Sovrintendenza e la Terna, ma non abbiamo ancora ottenuto niente. Abbiamo fatto ricorso al Tar e ne stiamo preparando uno da presentare al Prefetto. Non è tollerabile che una zona abitata con una scuola e attività che si basano sul turismo venga deturpata da 35 metri di tralicci con un’emissione di 132mila Volts. L’inquinamento elettromagnetico poi potrebbe avere conseguenze irreparabili».
Oltretutto, stando a Lorenzetti, il progetto è stato elaborato su mappe vecchie.
«Mappe che - continua il portavoce - non erano ancora state aggiornate con le nuove abitazioni e che si troverebbero quindi estremamente a ridosso delle linee e dei tralicci. Vogliamo tutelare le nostre case e la nostra salute, per questo ci opporremo finché potremo e con ogni mezzo».
Nessun disagio o problema nel corso della manifestazione di protesta pacifica che è durata un’ora per poi sciogliersi senza conseguenze.

Nessun commento: